Il “Natale scomodo” presso la casa parrocchiale di Carosino. Vincenzo di Maglie relatore sul “significato del Natale”

20141129 212155Grande serata che ha visto una profonda riflessione sul Natale nel mondo contemporaneo, quella affrontata presso il salone parrocchiale di Carosino (TA) il 16 Dicembre scorso. Ancora oggi sono in tanti a rileggere i versi di don Tonino Bello sul “Natale scomodo” declamati dal relatore Vincenzo Di Maglie, responsabile dell’AC di San Marzano di San Giuseppe. Le parole che hanno fatto seguito ai versi sono state ben precise: “Questa sera sarà posto l’accento su come la nascita del Bambin Gesù possa ancora parlare al nostro mondo credente e non credente”, ha affermato Di Maglie, “questo tema sarà approfondito dal punto di vista civile e religioso. Il prendersi cura dell’altro è un’azione che riguarda il fedele e l’agnostico. Riguarda la coscienza di ognuno di noi. A Natale e in ogni momento dell’anno”. Aspettiamo la notte di Natale in una notte di stelle, una diversa dall’altra ma ognuna luccicante, splendente, capace di dare calore al mondo.

L’incontro ha visto la partecipazione anche del gruppo ormai ben collaudato di “Favolando” il quale ha scelto per il tema della serata una fiaba all’insegna della bontà e della solidarietà: “Il Natale del ciabattino Martin” di Lev Tolstoj”. Il ciabattino (lu scarpàru, abbiamo detto in carosinese) Martin aspettava di vedere il Signore che gli aveva promesso una visita nella sua bottega; nell’attesa snervante Martin si pone una domanda: “Se il Signore venisse da me, come dovrei comportarmi?”.  Ed altre ancora più difficili che ognuno di noi si è posto almeno una volta: “se passa anche da casa mia, saprò riconoscerlo? Porta ancora la barba incolta? Si presenterà con la solita tunica lunga? Mi parlerà in aramaico e avrà i colori del deserto?

Chi scrive conosceva l’autore come grande scrittore di romanzi ottocenteschi: chi di noi non conosce la storia di Anna Karenina, il drammatico epilogo, la storia di amore e di morte dei due protagonisti? Ma come autore di fiabe non mi sembrava fosse conosciuto; ascoltando il brano secondo l’interpretazione di Michela Cinque e di Antonio Ricchiuti, insieme alle illustrazioni di  Anna Cinque, consiglio vivamente di rileggere le parole di Tolstoj, di grande effetto e suggestione natalizia. I nostri bimbi giocano col tablet, ma è l’abbraccio di una fiaba che li rende sicuri. Le fiabe vanno dritte al cuore  e  sono servite nella serata a riscaldare i cuori di grandi e piccini.

Don Lucangelo de Cantis, parroco del paese, ha affermato che bisogna porsi in ascolto sul vero significato della Natività, partendo proprio dalle parole del vescovo salentino; “che il Natale possa profumare di buono e di pane per tutti”, queste le parole del De Cantis.

Anche se il relatore Di Maglie aveva un po’ polemizzato sulle eccessive nenie natalizie, se non sono accompagnate da gesti concreti di fraternità, la serata ha ritagliato dei momenti di Natale in musica con la prof.ssa Nilde Mariano la quale ha suonato con i suoi allievi un “Varietà musicale celestiale

Per il canto finale il gruppo “Favolando” ha voluto utilizzare un classico del repertorio: “Bianco Natale” e il “Coro dei Favolandini” è stato diretto dalla prof.ssa Teresa Gigantiello. Al termine dell’interessante incontro sono stati consegnati ai presenti le pergamene con la  Preghiera di Papa Giovanni Paolo II sulla Natività.

Mentre ci si prepara ad uscire dal salone parrocchiale, una mamma si sofferma a spiegare al suo bambino il disegno di Anna: “In primo piano c’è Martin che legge alcune pagine della Bibbia. Queste pagine quasi per magia o per un alito di vento si aprono e compare la pagina in cui il Signore dice: ogni volta che avrete fatto questo al più piccolo dei miei fratelli lo avrete fatto a me; sullo sfondo c’è la finestra dalla quale Martin guarda il mondo e in ognuna c'è la persona che lui ha aiutato. Martin comprende di aver accolto nella sua casa il Signore”. “Che bello mamma”, dice il piccolo e si incamminano verso l’uscita. Anche questa è stata una bellissima serata, scintillante e tenera. Alla prossima.

elenamanigrasso@virgilio.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TPL_BEEZ5_ADDITIONAL_INFORMATION

Ambiente, veleni, tumori nel Salento. Noha 8 gennaio 2014

sbv-stagione-2014
intervalla-insanie-banner banner-musicalbox-live-390-archivio-videoterzo-settore-bannermangia-come-parli

ditutto

net-ability

numero-verde-acool-galatina