Strict Standards: Declaration of AceSEF_com_contact::catParam() should be compatible with AcesefExtension::catParam($vars, $real_url = NULL) in /home/inondazigo/www/galatina2000/administrator/components/com_acesef/extensions/com_contact.php on line 247
Non si può rimanere in silenzio quando si ascoltano autentiche bestemmie tecniche in materia di traffico veicolare - Lettere al Direttore - Galatina2000 - Quotidiano Indipendente di Galatina e del Salento

Non si può rimanere in silenzio quando si ascoltano autentiche bestemmie tecniche in materia di traffico veicolare

corso-porta-luceGiorno 22 maggio il Quotidiano di Lecce a firma di Gianfranco Tundo riportava "Rivoluzione del traffico Senso unico in Porta luce" la proposta del consigliere Fachechi. Leggendo l'articolo si rimane senza parole nell'apprendere che l'idea è quella di permettere il transito solo in entrata e vietare quello in uscita dalla città.
Si legge testualmente "La proposta a detta del consigliere è stata concertata con i commercianti e con le associazioni di categoria che operano nella zona non dovrebbe essere bersaglio di critiche in quanto è volta ad impedire un'assoluta decongestione del traffico nel centro antico".

Perfetto consigliere Fachechi  Lei ha centrato l'obbiettivo ossia impedire di decongestionare il traffico nel centro antico e quindi congestionarlo ulteriormente, e spieghiamo perché. A fine ottocento, per evitare l'attraversamento dei centri urbani sorsero le prime circonvallazioni delle città, a volte al costo di grossi sacrifici, quali l'abbattimento di mura (vedi Firenze) o muraglioni (Milano) a volte costruendo ponti a volte sottopassaggi  o ancora sopraelevate come ai nostri giorni. Ogni sforzo e sacrificio veniva compiuto per salvaguardare e tutelare i centri urbani dall'attraversamento.

Il percorso ciclico consente tali e tanti vantaggi da risultare il più efficiente modo di muoversi tanto da originare il termine "circolare" sinonimo esso stesso del muoversi rapidamente. "Circolare" è anche l'autobus pubblico che segue un tracciato chiuso assimilabile a quello di un cerchio.

Bene, a noi Galatinesi ci è stata regalata, con provenienza dalla notte dei tempi, una fantastica circonvallazione delle mura urbane del centro Antico che, a bella posta e senza costo alcuno, ci permette di circolare intorno in modo da raggiungere qualsiasi porzione del centro storico senza  difficoltà e trovando parcheggio in più punti della stessa. Si badi bene a proposito che una struttura parcheggio in prossimità delle mura stà per essere realizzata.

Qual' è a questo punto la trovata del consigliere Fachechi?  Interrompere la circonvallazione e di fatto obbligare all'attraversamento del centro storico.

Oggi infatti il circuito si richiude solo percorrendolo in senso antiorario ossia uscendo da Corso Porta Luce e risalendo da via Turati. In senso inverso il circuito  non è percorribile perché c'è il divieto di transito di  via Turati che  è a senso unico. Noi ci chiediamo, ma è mai possibile  che per accondiscendere ad una assoluta minoranza di soggetti interessati si debbano sacrificare gli interessi di un'intera collettività?

Come si può pensare di tutelare e salvaguardare il centro Antico se si inibiscono i sensi ciclici di percorrenza degli autoveicoli nella circonvallazione esterna alle mura e si lascia libertà di attraversamento dello stesso?  Non c'è bisogno di alcuna competenza tecnica per comprendere che, potendo accedere in piazza San Pietro, il traffico veicolare in via Vittorio Emanuele e a seguire in via Lillo aumenterebbe a dismisura qualora si  impedisse l'uscita da Corso Porta Luce.

Questo esperimento assurdo fu attuato da una passata amministrazione con risultati disastrosi per il centro storico, considerato che si monitorarono sino ad oltre 5000 auto al giorno che percorrevano via Vittorio e via Lillo. E' questa la decongestione che si vuole ottenere?

E per finire rimarchiamo la necessità di discutere taluni delicati argomenti alla luce del giorno con presenze, locali e non, autorevoli, qualificate ed obbiettive ed evitare uscite estemporanee assurde e imbarazzanti frutto di piccoli interessi di bottega, di cui si potrebbe anche eccepire  sulla leicità dell'intromissione.

Galatina ed il suo patrimonio artistico, storico e culturale è oramai consapevolmente e meritatamente un bene di interesse dell'intera comunità nazionale ed internazionale come di continuo ci viene ricordato da studiosi di tutto il mondo.

A noi Galatinesi spetta il compito di prendere atto ed agire di  conseguenza trattando la nostra città con  il dovuto rispetto.

Associazione Galatina Arte Storia Cultura

Dante De Ronzi        Meli Rosa Alba      Marilena Seclì     Alessandra Filieri   Federica Serra

Alessio Filieri           Giorgio Cassizzi    Damiano De Ronzi      Erika Tedeshi   Arianna Montagnolo

Girolamo Cassizzi     Vincenza De Ronzi    Massimiliano Nicotri

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti  

0 #1 Annor 2014-05-24 09:19
in parte è ancora buona:

http://galatina2000.it/lettere-al-direttore/elucubrazioni-viarie
-7 #2 ecco qua 2014-05-24 11:29
Ecco qua, come al solito a Galatina come uno fa una cosa pronti a criticarlo. Evitiamo approcci polemici e guardiamo oltre.
+11 #3 illusi 2014-05-24 13:25
Ancora con sta storia delle critiche? Ma che credete che potete governare in maniera scellerata facendo danni o non facendo nulla, pretendendo he nessuno vi critichi? Ma non siete per la democrazia?? E allora state zitti e sorbitevi le critiche che sono anche poche rispetto a quello che vi meritate per la vostra inconsistenza politica!!!!

TPL_BEEZ5_ADDITIONAL_INFORMATION

Ambiente, veleni, tumori nel Salento. Noha 8 gennaio 2014

sbv-stagione-2014
intervalla-insanie-banner banner-musicalbox-live-390-archivio-videoterzo-settore-bannermangia-come-parli

ditutto

net-ability

numero-verde-acool-galatina