Nel cuore del Salento un nuovo modo di vivere la scuola guardando all’Europa, riaprono le iscrizioni a Joyschool

ISCRIZIONI-2015-01Sono aperte le iscrizioni per bambini della prima classe di scuola primaria (prima elementare), con appuntamenti di approfondimento già in programma a Galatina per il 20 gennaio (ore 15.45 presso Scuola d’Infanzia La Sirenetta) e Cursi (ore 18.45 presso le Suore d’Ivrea) ed OPEN DAYS con possibilità di visitare la sede di Joyschool a Corigliano d’Otranto in via Vecchia Cutrofiano tutti i sabati di Gennaio dalle ore 10 alle 12. Visita la pagina facebook di Joyschool Corigliano d’Otranto o chiama per informazioni il numero 333-7591279.

Partita lo scorso anno col numero massimodi alunni previsto e iscrizioni da tutto il Salento alla prima classe di scuola primaria (prima elementare), Joyschooolè nata per tutelare il diritto di ogni bambino a vivere un’esperienza scolasticaserena e gioiosa, condizione necessaria per mantenere viva la “GIOIA D’IMPARARE”. A tal fine, è necessario che la scuola rispetti i ritmi di apprendimento e le inclinazioni di ogni alunno, con  metodi didattici, tempi e ambienti “a misura di bambino”. Situatanel verde di Corigliano d’Otranto, facilmente raggiungibile perché al centro delle vie di comunicazione salentine, Joyschoolporta nella nostra terrale metodologie didattiche delle scuole del centro-nord Europa emira a far acquisire a tutti gli alunni - nessuno escluso - le otto competenze chiave indicate dall’Unione Europea. Il tutto attraverso una piena applicazione di quanto già previsto dalleIndicazioni Nazionali della scuola del primo ciclo emanate nel 2012 dal  Ministero dell’Istruzione (che restano troppo spesso poco applicate nel vissuto scolastico quotidiano).

Per raggiungere quest’obiettivo, Joyschool propone una scuola solidale, basata sull’apprendimento cooperativo e il tutoraggio tra pari, priva di competizioni innaturali, confronti inutili e “corse ai voti”; una scuola in grado di assecondare la naturale curiosità dei bambini, valorizzando la creatività e i saperi informali degli alunni (cioè il bagaglio di conoscenze che già portano con sé); una scuola dove tutte le attività si svolgono in presenza dei docenti senza l’assillo dei compiti a casa; una scuola fondata sull’uso flessibile degli spazi, la bellezza dei luoghi e degli arredi; una scuola che favorisca il contatto quotidiano con la naturae cheeduchi i bambini all’autonomia, al rispetto degli altri e al senso diresponsabilità; una scuolain cui tutte le disciplinehanno pari dignità, conl’apprendimento dell’Inglesead informare la maggior parte delle attività vissute dai bambini; una scuola dove la didattica laboratoriale costituisce la routine quotidiana e non l’evento eccezionaleperché la vita è apprendimento e l’apprendimento avviene solo vivendo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Joyschool è una scuolaa tempo pieno (8.30-15.30), doveil maestro è ilmediatore(secondo i principi di Feuerstein), l’allenatore-regista che asseconda il bambino nella sua curiosità e cerca di guidare gli alunni a “fare da soli” (nello spirito di MariaMontessori). Innumerevoli le opportunità d’imparare e di esprimersi, ciascuno secondo la propria indole (seguendo l’intuizione di Gardner sulle intelligenze multiple dei bambini e quella di Goleman sull’intelligenza emotiva). Una scuola del “fare” e del “pensare”, secondo il metodo naturale di Freinetper l’apprendimento finalizzato e motivato,in un clima di familiarità e affettività (secondo la pedagogia dell’amorevolezza di don Bosco e don Milani).

“L’intento è quello di trasformare la scuola da luogo dell’obbligo d’imparare ad orizzonte della gioia di apprendere” – spiega la Dr.ssa Manuela Pulimeno, coordinatrice del Progetto Joyschool. – “Fin dalla nascita, i bambini imparano tutto spontaneamente e gioiosamente. Questa gioia si spegne quando imparare diventa un obbligo…perchéapprendere è un processo interiore che nessuno può imporre”.Una conoscenza duratura nasce, infatti, dalla passione e dagli interessi, dalla curiosità, dalle domande e dalla vitareale dei bambini; non certo dalla ripetizione mnemonica e dal nozionismo: il bambino non è un secchio da riempirema un fuoco da mantenere vivo. “La scuola deve quindi saper suscitare la motivazione,assecondare l’innato piacere per la conoscenza che troppo spesso rischia di spegneree soprattuttofornire le chiavi per imparare ad imparare,preparando le nuove generazioni a camminare da sole per le strade del mondo”.

“Con una proposta diretta ai bambini che iniziano la scuola primaria, Joyschool risponde alla domanda dei genitori (sempre più numerosi) che vogliono adoperarsi - per amore dei propri figli - percostruire delle soluzioni,anziché continuare a lamentarsi delle situazioni esistenti”. Una proposta in perfetta sintonia con i tempi, se si pensa che in Italia sono già cinquantamila i bambini che frequentano scuole dove i programmi ministeriali vengono proposti con approcci diversi.Il fenomeno cresce in Italia del 50% l’anno (in Inghilterra fino all’80%) giacché non siamo più in tempi di analfabetismo di massa e molti genitori non trovano risposte nella scuola di Stato, spesso troppo ingessata dai vincoli sindacali e dalla burocrazia per potersi adeguare ai tempi in modo rapido, nonostante i meravigliosi documenti prodotti dal Ministero dell’Istruzione sulla scia delle più avanzate esperienze europee (in primis quella della scuola finlandese).Per questo motivo e per l’unicità della proposta, hanno deciso di aderire a Joyschool genitori di ogni parte del Salento: da Galatina a Cursi, da Corigliano d’Otranto a Sogliano e Castrignano dei Greci, fino a Lecce, Monteroni e addirittura dalla provincia di Brindisi.

Soggetto attuatore è l’Associazione Culturale Socrate, membro ufficiale dell’Agenzia Europea delle Democrazie Locali (ALDA) presso il Consiglio d’Europa in Strasburgo e del Centro Nazionale MCE (Movimento di Cooperazione Educativa). Joyschool aderisce alla rete “Veliero Parlante” che riunisce 30 scuole del Salento oltre che alla Rete d’Innovazione Sociale per l’Educativo e la tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (RISE for RIGHTS), sotto la Presidenza Onoraria del Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Puglia e la direzione scientifica del Pedagogista Maurizio Parodi.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TPL_BEEZ5_ADDITIONAL_INFORMATION

Ambiente, veleni, tumori nel Salento. Noha 8 gennaio 2014

sbv-stagione-2014
intervalla-insanie-banner banner-musicalbox-live-390-archivio-videoterzo-settore-bannermangia-come-parli

ditutto

net-ability

numero-verde-acool-galatina