Cultura, che bella parola! Non parlatene molto però.

cultura"Io mi chiedo: la cultura a Galatina esiste?” Bella domanda ci pone Vincenzo Stigliano, regista e autore galatinese,  mi verrebbe da rispondere d’impeto ma ho deciso di fare la persona seria, ma soprattutto ho deciso da un po’ di tempo di non polemizzare con nessuno. Ovviamente non mi riferisco a Vincenzo Stigliano, prendo invece spunto dalla sua lettera per amplificare l’appello. Io penso che Galatina sia una Città che produce tanta cultura, unico neo che non viene ben canalizzata, supportata, ma soprattutto programmata. Dove si possono vedere le iniziative culturali in questa città? Dove si può sapere se esiste un cartellone estivo, invernale, autunnale o primaverile? Esistono i luoghi atti a codesto lavoro, ma soprattutto c’è quella dinamicità di promuovere la cultura nell’era di internet? Scusate se ho pronunciato un termine che non tutti ancora conoscono: la rete. Il mezzo più immediato che solo a Galatina diventa il più odiato e meno conosciuto, ma soprattutto meno utilizzato da chi dovrebbero decidere. Ma sicuramente mi sto sbagliando, perché dipende, perché poi ci sono …. Certo scusate, mi stava scappando l’embolo e stavo per polemizzare. (ma poi con chi? Boh!) Ma torniamo alla domanda di Vincenzo, che continua e dice “Perché sui quotidiani di Paese che si nominano tali non esiste nessun articolo…”. Anche su questo carissimo Vincenzo, io posso parlare per ciò che rappresento, galatina2000 un gruppo di ragazze e ragazzi che si sbattono tutta la giornata per chiudere la pagina giornaliera. È vero spesso non raccontiamo il dopo evento, ma la notizia almeno la diamo, e ce lo possiamo anche dire che se non fosse per “sti siti” magari qualcuno non s’accorgerebbe neanche delle iniziative che si fanno. Per il dopo il problema sta tutto nel tempo che si ha nel fare diverse cose, pur essendo un quotidiani on-line, non c’è gente che ci lavora a tempo pieno, è tutto volontariato, e cerchiamo quanto meno di dare la notizia. Nel complesso, con le pur esigue risorse, noi di g2000, cerchiamo di armonizzare la cronaca (prediligendo poco la nera) con la cultura soprattutto autoprodotta. Non è un caso se molte rubriche, come quelle di Paola Volante, Michele Stursi o Paolo Congedo sono essenzialmente culturali. Perché crediamo davvero che un popolo più acculturato sia più libero, ma soprattutto meno legato al campanile e ai pettegolezzi paesani. Noi fuggiamo da questi e soprattutto fuggiamo dall’individualismo e dal personalismo. Noi vogliamo dare spazio “AGLI EVENTI CULTURALI DI TUTTI I GENERI E DI TUTTE LE ASSOCIAZIONI”, abbiamo però necessità di conoscerci, di parlarci, di mettere a fattor comune il tempo per lavorare insieme ad un progetto comune: elevare la nostra società. Noi siamo inclusivi, non ci piacciono gli “esclusivi”, noi abbiamo tanta voglia di parlare di confrontarci di mettere a disposizione i nostri mezzi, il nostro portale, la nostra webTV. Ma Galatina questo lo vuole?

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Informazioni aggiuntive

Fast News del 23 aprile, a cura di Paolo Congedo

barocco-rewindintervalla-insanie-bannerqua-la-zampatutti-matti-per-la-radionarghile-390banner-musicalbox-live-390terzo-settore-bannersotterranei-bannermangia-come-parlishort-story

ditutto

net-ability

numero-verde-acool-galatina